Tag

, , , , , , , , , , ,

DMT CALZE MIE.jpg

 Se la
notte
è una zingara
scultrice
che ti entra
in
Bocca,
prendendoti
le
Mani per masturbarsi
con
la tua
Croce
a mezza
Luna,
tu
concedile
il
maleficio
del
dubbio
sulla
Carne,
ghiotta di
rossori
– verbali –
e
marchette
– liquide –
soggiogate
dal
reggi-Lingua
dell’Odore
smagliato.

Falla
entrare.

Fallo
custodire
“Erezione”,
come una migliore
Amica,
dentro l’Intimo
delle
sue
Opere,
guardate
da
ogni Battito
del
pube.

Dalle
il livido
che desidera.

Eiacula
fortemente.

Non dare tregua
agli
orgasmi
delle
vene.

“L’inferno è un cuore rosso, caldo e fin dalla pubertà
– non – si concede facilmente”.

E poi,
sputale
sull’Anima,
come
un pompino
al
primo
Amore
lungo
a venire.

Alla Poesia,
piace sentirsi
puttana.

“Ma tu chi sei?”

_ Il tuo Umore già scritto.

(P.h. Autoscatto più G. Milasi © , vietata la riproduzione, per Autrice a nudo, raccolta di poesie, Amantidi Cronache di una Concubina scarlatta 2015)