Tag

,

ohbaby.jpg

“… La fedeltà eroica di Antigone, il furore fatidico di Cassandra, la divorante febbre di Fedra, la ferocia di Medea, il sacrificio di Ifigenia, Mirra dinanzi al padre, Polissena e Alceste dinanzi alla morte, Cleopatra volubile come il vento e la vampa sul mondo, Lady Macbeth veggente carnefice dalle piccole mani, e i grandi gigli imperlati di lacrime, Imogene, Giulietta, Miranda, e Rosalinda e Jessica e Perdita, le più dolci anime e le più terribili e le più magnifiche erano in lei, abitavano il suo corpo, balenavano per le sue pupille, respiravano per la sua bocca che sapeva il miele il veleno, la coppa gemmata e la tazza di scorza…”

(Gabriele D’Annunzio, Il Fuoco)

 

La Donna d’intelLetto
sussurra Peccati culturali
Lei ricerca Orifizi cerebrali
Si abbandona all’Eros mistico odorando VerboSophia
Non fa per tutti la Donna d’IntelLetto
Ma per il solo che di Bordello
Ne fa il suo Diletto
fondendo
Anime a Volontà
senza bisogno
d’un Letto
che con due Occhi così
eiacula Arte e Languidità.

 

 

p.h. 2018/07
Annunci