POCHI AMICI * MOLTO AMORE :: Il blog di Carmine Mangone

*

Io non conosco l’inferno
Ma il mio corpo brucia dalla nascita
Nessun diavolo attizza il mio odio
Nessun satiro m’insegue
Ma il verbo si trasforma in vermi tra le mie labbra
E il mio pube troppo sensibile alla pioggia
Immobile come un mollusco flatulento di musica
S’aggrappa al telefono
E piange
La mia carogna mio malgrado si fanatizza col tuo vecchio sesso stanato
Che dorme

*

Scriverò con due mani
Il giorno che tacerò
Spingerò in avanti le ginocchia rigide
Il petto pieno di seni
Malata di silenzio represso
Urlerò a pancia piena
Il giorno che morirò
Per non rovesciarmi quando le tue mani m’indovineranno
Nuda nella terra bruciante
Mi strangolerò a due mani
Quando la tua ombra mi leccherà
Squartata nella mia tomba in cui brillano funghi
Mi prenderò a due mani
Per non sgocciolarmi nel silenzio della grotta
Per non essere schiava del mio amore smisurato
E…

View original post 111 altre parole